Osteria (2013-2016)

OsteriaL’osteria, esperienza di vita che accomuna i Do'Storieski (Leo aveva i nonni osti e ci ha passato parte dell’infanzia – Alberto ha lavorato in più di un’osteria storica negli anni di studio), viene così scelta come luogo fisico per parlare del territorio e della sua popolazione cercando di coglierne i bagliori di vita e gli anfratti bui dai quali scaturiscono profonde riflessioni sull’essere umano, sui suoi mutamenti, le contraddizioni . Il tutto raccontato per mezzo di personaggi realmente esistiti. Luci ed ombre si rincorrono di parola in parola e lo sguardo si muove attento per cogliere il momento esatto in cui la commedia della vita ci riserva qualcosa di utile da imparare. L’osteria come luogo di incontro, di scambio, di condivisione. Luogo nel quale talvolta qualcuno trova una parola di conforto, una vecchia conoscenza, la compagnia di sempre, il gioco, il canto, l’allegria e un calice di buon vino. L’opera non si adagia su di un ricordo nostalgico del passato ma vuole anche raccontare il presente di un crogiuolo di identità e di umanità. Un luogo, che possiede la straordinaria capacità di accogliere e avvicinare gli esseri umani. Un invito ad ascoltare e raccontare che in fondo è la sola maniera di andare avanti insieme nella vita. Nel 2016 Osteria è stato rivisitato e sono stati aggiunti alcuni brani.

OSTERIA (2013 - 2016)

NameMp3

Alberto Cendron: Voce, Cigarbox guitars, chitarra classica.
Leo Migliornza: Voce, chitarra acustica, banjo.
Paolo Piovesan: Basso, Bidofono, tastiere e percussioni.
Marco Napoletano: Armoniche.

Parole e Musica: A. Cendron, eccetto :
Fermate qua: L. Miglioranza.
Tuto Pagà: L. Miglioranza.
A mussetta Gina: parole A. Prosdocimo, musica L. Miglioranza.
Riva del Mar: parole A. Cendron, musica Do'Storieski.


Arrangiamenti: Do'Storieski - Paolo Piovesan.
Produzione: Giorgio Barbarotta (G.B. Produzioni) - Arci Treviso - Do'Storieski.
Registrazioni, mixaggio, mastering: Paolo Piovesan - LA LAVANDERIA.
Produzione Artistica: Do'Storieski - Paolo Piovesan - Giorgio Barbarotta.

Foto Osteria: Aldo Miglioranza

Ultima modifica ilVenerdì, 18 Novembre 2016 09:34
Altro in questa categoria: « Disintegrati (2015) Descanto (2014) »
Devi effettuare il login per inviare commenti